Trova la tua soluzione HDMI

Hai difficoltà a scegliere o trovare il componente HDMI più adatto alle tue esigenze? Nessun problema! Comincia dalla domanda qui sotto e quando arriverai in fondo alla pagina avrai la soluzione per realizzare l’impianto che desideri !

1 ) Quante sorgenti vuoi visualizzare? 

Prima di tutto devi quantificare il numero totale delle SORGENTI (o ingressi) che vuoi visualizzare o predisporre. Una sorgente è un dispositivo in grado di riprodurre un contenuto audio/video come ad esempio un DVD, un decoder satellitare, un player multimediale, una console per videogiochi, ecc…). Il numero delle sorgenti sarà indicato con la lettera N.

2) In quante zone?

Una volta stabilito il numero delle sorgenti N, devi stabilire il numero delle ZONE (o delle stanze, delle uscite, degli schermi, dei monitor, dei videoproiettori, ecc…) in cui le sorgenti definite nella riga qui sopra devono essere visualizzate. Il numero delle zone sarà indicato con la lettera M.

Le soluzioni che potrai ottenere saranno le seguenti:

A) N x 1 per visualizzare “N” sorgenti su una singola zona
B) 1 x M per visualizzare una sola sorgente su “M” zone
C) N x M per visualizzare “N” sorgenti su “M” zone diverse, anche contemporaneamente.

Il prodotto specifico che dovrai utilizzare, per ogni soluzione, prende il nome di:

Come avrai già intuito, lo switch e lo splitter sono una “limitazione della matrice” ad una sola uscita o ad un solo ingresso.

Qui sotto puoi vedere tutti i dispositivi, ognuno dei quali inserito in uno schema di esempio per ogni soluzione.

In questa fase non preoccuparti della tecnologia utilizzata, perchè esistono componenti di ogni tipo, “Standard”, HDBase-T” o “Over IP”.

Switch “Standard”

Splitter “Video Over IP”

Matrice “HDBase-T”

3) Qual’è la massima risoluzione che vuoi visualizzare ?

Ovviamente stiamo parlando di connessioni HDMI. Se le tue sorgenti o i tuoi schermi non avessero connessioni HDMI potresti utilizzare dei semplici adattatori (o convertitori) oppure degli scaler video se invece avessi da gestire dei segnali analogici.

Quando hai a disposizione sorgenti e monitor che accettano connessioni HDMI, devi verificare la risoluzione massima che queste apparecchiature sono in grado di inviare o ricevere. In genere possono essere HD Ready (720p o 1080i), Full HD (1080p/2K) o 4K / UHD per quelli più moderni.

Una volta che hai un quadro generale delle risoluzioni più utilizzate dalle tue apparecchiature, puoi scegliere il dispositivo che vuoi inserire (switch, splitter o matrice). Octava in questo caso fornisce solo due tipologie di prodotti:

  • quelli che arrivano fino alla risoluzione Full HD/2K (1920×1080)
  • quelli che gestiscono anche la risoluzione 4K/UHD (3840×2106)

Scaler Video
per la conversione ed upscaling dei segnali analogici e digitali

4) Come vuoi comandare il sistema di distribuzione?

Una volta individuato il dispositivo che serve al tuo impianto, devi stabilire se ed in che modo vuoi comandare (o modificare) gli ingressi e le uscite da visualizzare. In genere questo controllo serve solo per gli switch o le matrici, ma ci sono anche particolari installazioni di splitter (in genere in ambienti commerciali o nel terziario) che hanno la necessità di selezionare un ingresso piuttosto che un altro. Generalmente, ogni dispositivo ha la possibilità di poter essere comandato in tre modi diversi:

1) Manualmente attraverso i tasti presenti sul dispositivo,
2) Attraverso un telecomando ad infrarossi (di serie o universale);
3) Tramite un sistema o un dispositivo esterno (dal semplice PC al più complesso sistema di supervisione integrato).

Telecomandi e Ricevitore IR
per il controllo semplice

Applicazione per tablet
per il controllo avanzato

5) Vuoi comandare anche le sorgenti e/o controllare gli schermi?

Oltre al sistema di distribuzione video, potresti avere anche la necessità di comandare le sorgenti o gli schermi collegati rispettivamente agli ingressi ed alle uscite.

Se il sistema fosse per un impianto Home Cinema, installato nel soggiorno di casa in cui hai tutto (sorgenti e schermo) a vista, potresti utilizzare i telecomandi in dotazione con le apparecchiature o direttamente i tasti presenti sopra di essi. Diversamente, se le sorgenti fossero nascoste in un mobile, nel rack tecnico in cantina o in un altra stanza, potresti avere la necessità di comandarli ed hai solo due modi per farlo:

1) Attraverso un telecomando ad infrarossi (di serie o universale);
2) Tramite un sistema o un dispositivo esterno (dal semplice PC al più complesso sistema di supervisione integrato).

Hai ancora qualche dubbio ?

Il nostro team è a disposizione per trovare la soluzione migliore adeguata alle tue esigenze. Compila il form, qui sotto.

(* i campi contrassegnati con l’asterisco sono obbligatori)

Numero di SORGENTI - N - (*)

Numero di ZONE - M - (*)

Risoluzione massima (*)


Controllo del sistema (*) - Più scelte possibili

Controllo delle periferiche (*) - Più scelte possibili


Nome (*)

Cognome


Indirizzo mail (*)

Telefono

Budget previsto (*)


Breve descrizione del sistema (*)